bio
musica
immagini
ambientazione sonora
eventi
news
rassegna stampa
link
contatti


Privacy Policy
 
  domenica 28/10/2007
allaradio.org

Francesco Mantero..Intervista Esclusiva!

Francesco Mantero: un nome che forse non vi dira' nulla di piu' di un volto tra tanti. Peccato, perche' il bravo musicista italiano ha da poco pubblicato un album, "In Ascolto", che fara' parlare, ne son sicuro; un mix sapiente di musica italiana "doc" e uno spruzzo di sonorita "Britush", il tutto incorporato da una voce, quella di Francesco, calda e profonda. Andiamo a scoprire chi e' Francesco Mantero:

CIAO FRANCESCO A NOME DI TUTT ALLARADIO E' UN PIACERE SCAMBIARE DUE PAROLE CON TE. ALLORA COME E' NATO IL NUOVO "IN ASCOLTO"?

Anche per me è un piacere. In ascolto è il frutto di un lungo lavoro che va dalla prima stesura dei brani nel 2001, allla fine delle registrazioni nella primavera del 2007. La mia percezione, però, è semplicemente quella di aver lasciato fluire il progetto fino a quando non ho sentito che fosse finito, che fossero passati quasi sei anni me ne sono accorto soltanto guardando indietro.


UNA ALBUM DOVE VENGONO ALLA LUCE TANTE INFLUENZE; DAGLI OASIS AI BEATLES FINO A CERTE COSE ITALIANE COME I POHH DEGLI ANNI 70 O BATTISTI. QUALI SONO STATI I TUOI "EROI" SE COSI' POSSIAMO CHIAMARLI DELLA TUA ADOLESCENZA?

Nell’ambito della musica italiana sono stato sempre affascinato dalla lungimiranza musicale di Battisti, dai testi di Dalla, dalle sonorità del primo Pino Daniele, però le mie influenze sono per lo più inglesi e americane: Sting (con i Police e senza), gli Steely Dan, Miles Davis, Pat Metheny e molti altri.


E IL TUO APPROCCIO ALLA MUSICA COME E' AVVENUTO?

Mi sono avvicinato alla musica da bambino, avevo cinque anni quando ho avuto la fortuna di assistere alle prove di un gruppo. In quel momento è scattata una vera e propria folgorazione per la batteria. Con questo meraviglioso strumento mi sono avvicinato professionalmente alla musica. Poi incuriosito dalle strutture e dall’armonia dei brani che suonavo, ho iniziato lo studio di composizione, per ultimo mi sono avvicinato al canto, durante tutto questo lungo periodo non ho mai smesso di scrivere parole. Mischiando forte tutte queste esperienze ne è nato un cantante-autore di testi-musicista.


STAI GIA' PIANIFICANDO DATE LIVE A SUPPORTO DEL NUOVO ALBUM?

Attualmente sto lavorando, in collaborazione con la regista Ester Montalto, ad uno spettacolo live che sta a cavallo fra un concerto e una rappresentazione teatrale. Ho coinvolto sei musicisti oltre a me per mantenere il più possibile fedeli all’album le sonorità del live. Parallelamente a questo, sto lavorando anche ad un estratto più acustico, per una formazione più piccola, per presentazioni in spazi dove sarei impossibilitato a portare tutto il gruppo.


SI FA UN GRAN PARLARE DI COME IN QUESTI ULTIMI ANNI LE VENDITE DEI CD SIANO PAUROSAMENTE DIMINUITE E SEMPRE PIU' GENTE RICORRE ALLO "SCARICARE" VIA INTERNET IN MANIERA SELVAGGIA; CREDI SI POSSA USCIRE DA QUESTA TRISTE REALTA' IN QUALCHE MODO?

Purtroppo non ho una risposta da darti o una soluzione da proporre. Quello che ho fatto è di uscire nei negozi con un prezzo consigliato che ritengo equo di 14.90 euro. Si può scaricare “in ascolto” su tutti I principali portali che vendono musica on line. Il resto sta nel rispetto delle singole persone per il lavoro del musicista.


COSA MI PUOI DIRE A PROPOSITO DEI TESTI DELL'ALBUM?

I testi sono nati dalla attenta osservazione di tutte quelle dinamiche interiori ed esteriori, che è poi la stessa cosa, di quei meccanismi e reazioni che diventano i nostri condizionamenti, con i quali finiamo con l’identificarci, dando vita ad un io, che in realtà non è altro che la somma di quegli stessi condizionamenti da cui diventa difficile liberarsi. Tutto questo ci impedisce di fluire per ciò che siamo in realtà.


NON SI PUO' NON NOTARE UNO STUOLO DI MUSICISTI INCREDIBILI CHE HANNO COLLABORATO CON TE SU "IN ASCOLTO"; SARANNO LE STESSE PERSONE CHE TI ACCOMPAGNERANNO IN TOUR?

Lavorare con musicisti del calibro di Bruno de Filippi, che è un pezzo di storia della musica, poter vedere la versalità della voce di Silvio Pozzoli, stupirsi ancora, malgrado abbia studiato con lui per quasi sei anni, delle pennellate d’arte di Alfredo Golino sulla batteria, apprezzare il perfezionismo di Gigi Cifarelli, la padronanza di Fabrizio Bosso è stata un occasione unica che mi ha dato talmente tanto dal punto di vista professionale ed umano, che paradossalmente avrei anche potuto non pubblicare l’album, l’impegno sarebbe stato comunque giustificato.Riguardo al live a parte Lele Palimento e Simone Bollini che sono colonne portanti sia dell’album che del gruppo live, gli altri musicisti sono tutti nuovi “acquisti”, ma la mia indole alla collborazione non mi ipedirà certamente, qualora ce ne fosse l’occasione di ospitare anche dal vivo qualcuno dei grandi musicisti che hanno suonato nell’album


STAI GIA' SCRIVENDO NUOVO MATERIALE?

Da questa estate sto scrivendo alcune poesie.


CHE ALTRO AGGIUNGERE FRANCESCO..GRAZIE MILLE DEL TEMPO CHE CI HAI DEDICATO E SPERIAMO DI VEDERCI PRESTO. CIAO!

Grazie a te e ai lettori per la vostra attenzione.

torna all'archivio